Stampa
Categoria: Home & Food
Visite: 252

R3direct e Revet sono tra i finalisti del RO Plastic Prize, organizzato dalla Galleria Rossana Orlandi nell’ambito del Fuorisalone 2019.

Un premio che si pone l’obbiettivo di fare dell’inquinamento causato dalla plastica una risorsa per tutti i designer, che devono quindi proporre progetti in grado di contribuire a risolvere il problema.

Il progetto con cui R3direct e Revet sono stati selezionati è quello della lampada magma, stampata in 3d da R3direct partendo per la prima volta dal granulo poliolefinico riciclato, ottenuto dagli imballaggi misti della raccolta differenziata toscana della plastica, a cui sono stati aggiunti anche gli imballaggi recuperati sui fondali marini dai “pescatori spazzini” coinvolti nel progetto Arcipelago pulito che ha ispirato la legge salvamare appena varata dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa.

I progetti ritenuti migliori da Rossana Orlandi saranno presentati in galleria (RO Garage) durante il Fuorisalone 2019, in occasione del Salone del Mobile a Milano dal 9 al 14 aprile.

Il premio è rivolto a designers provenienti da tutti i paesi, di background, età e curriculum diversi. Quattro vincitori saranno selezionati nelle categorie Design process, Home Textiles, Packaging Solutons e Conscious Innovation Projects. I vincitori saranno annunciati il 10 aprile 2019 e riceveranno ciascuno un premio di 10.000 euro. 

R3DIRECT è una Società costituita da Stefano Giovacchini, designer, e Critsiano Cavani e Marco Paganucci di CrescoLAb. Nata a seguito della partecipazione dei propri fondatori al bando “CIRCULARICITY – Il Co-Design per l’Innovazione e la Sostenibilità” del Comune di Capannori, è specializzata nella progettazione e realizzazione in stampa 3D sperimentale di prodotti in plastica riciclata.

Revet spa è l’azienda che raccoglie, seleziona e avvia a riciclo l’80 delle raccolte differenziate toscane di plastica, alluminio, acciaio, tetrapak e vetro. Attraverso la controllata Revet Recycling srl ricicla la componente poliolefinica del plasmix ottenendo granuli adatti allo stampaggio a iniezione (ma ora anche in 3d) di qualsiasi oggetto.