Stampa
Categoria: Home & Food
Visite: 295

Centralità dei soci, innovazione e sostenibilità sono i valori che guideranno il nuovo corso della cantina.

Cantine Europa, storica società cooperativa agricola di Petrosino, Trapani, primo produttore al mondo di Grillo, ha eletto il suo nuovo Consiglio di Amministrazione. A guidare la Cantina sarà Nicolò Vinci, 37enne agronomo di Marsala, già nominato alla vicepresidenza del CdA entrato in carica lo scorso dicembre. Vinci succede così a Eugenio Galfano che aveva guidato la Cantina per 19 anni.

Il nuovo corso della Cantina, una delle più importanti realtà produttive della Sicilia Occidentale, si apre all’insegna dell’innovazione e della centralità dei soci. Il CdA si compone infatti di giovani del territorio, affermati a livello nazionale, ora pronti a mettere le rispettive professionalità al servizio della Cantina. Una realtà di cui conoscono profondamente l’identità visto che sono essi stessi figli di alcuni dei soci. Cantine Europa si è sempre dedicata alla vinificazione e alla lavorazione di uve, mosti e/o vini conferiti dai soci, favorendo la valorizzazione delle loro produzioni vitivinicole.

Oggi conta 2.100 soci e oltre 6.000 ettari di terreno coltivato, tra le province di Trapani, Agrigento e Palermo, e ha fatto della sua identità e del sentito legame con il territorio un elemento distintivo a livello nazionale e internazionale. Alla tradizione ultra cinquantennale della Cantina si affianca ora uno sfidante processo di rinnovamento e riposizionamento nel nome della sostenibilità ambientale e sociale. Cantine Europa, infatti, si è fatta recentemente notare anche sulla scena enogastronomica internazionale grazie al Grillante, lo spumante biologico e sostenibile voluto come bollicina ufficiale della prestigiosa cena di beneficenza organizzata a New York lo scorso dicembre.

«Vogliamo restituire a Cantine Europa quanto abbiamo ricevuto. Siamo figli e nipoti di soci che hanno lavorato in questi splendidi vigneti da sempre, sappiamo quali siano i sacrifici dei vignaioli e siamo pronti a rimettere al centro i loro bisogni. La parola “territorio”, infatti, per noi vuol dire senso di appartenenza, ma anche valore da preservare e far crescere nel tempo. Per questo, lavoreremo per redigere un nuovo piano industriale e commerciale non facendo mai mancare un forte spirito di condivisione e di comunicazione in un’ottica di piena sostenibilità sociale, ambientale e culturale» - dichiara il neo presidente, Nicolò Vinci.

cantine europa vino