Family Nation presenta il suo primo report di sostenibilità

Dal diventare Società Benefit ad un progetto di riforestazione in Guatemala, da un ambiente di lavoro completamente plastic free alla scelta di vendere prodotti eco-sostenibili. L’impegno dell’azienda nei confronti di ambiente, dipendenti e consumatori.

La volontà di non impattare sull’ambiente, sul territorio e sul clima, così come il bisogno di provare a fare, nel proprio piccolo, la differenza. Questi i pilastri su cui si fonda, ormai dalla sua fondazione nel 2012, Family Nation, shop online che da 10 anni seleziona e propone una collezione dei migliori brand per bambini e premaman provenienti da tutto il mondo. L’azienda, diventata lo scorso anno anche Società Benefit, presenta oggi il suo primo report di sostenibilità, simbolo dell’impegno nei confronti di ambiente, dipendenti e consumatori.

Un progetto di riforestazione per la compensazione della Co2 – Family Nation lo scorso anno ha dato inizio a una campagna di riforestazione per la compensazione della CO2. Nel corso del 2022 sono stati piantati 139 alberi tra avocado, lime, cedro e caoba che hanno compensato 78.030 kg di CO2, corrispondenti a 270.000 km percorsi da una macchina di medie dimensioni, poco meno di 7 giri intorno al pianeta.

“Abbiamo scelto ZeroCo2 come partner per la nostra campagna di riforestazione perché è un’azienda B Corp che lavora insieme e per le persone che vivono nelle zone in cui avviene la riforestazione, in modo che questa generi un impatto umano, oltre che ambientale. I nostri alberi sono stati adottati dalle comunità di contadini in Guatemala e contribuiscono alle loro attività economiche, spesso a carattere familiare” ha spiegato Emilia Mugnai, Ceo di Family Nation.

La scelta dello smart working per andare incontro alle esigenze dei dipendenti e limitare le emissioni di CO2 derivate dagli spostamenti – In tutto il 2022 i collaboratori di Family Nation hanno usufruito di quasi 3000 giorni di smart working, che significa in media che ogni persona ha goduto di quasi 60 giorni di smart working per un risparmio stimato di circa 3000 viaggi in un anno (tra auto, bus, treno,…), equivalente a circa 18.000 kg di CO2 (1).

Attenzione nei confronti di una delle attività più impattanti del Pianeta: il reso di prodotti acquistati online – Family Nation vanta un tasso di resi tra i più bassi dell’industry: soltanto il 3,5% degli ordini. “Questo dato deriva innanzitutto dal fatto che scegliamo prodotti di qualità e dal tempo che mettiamo nel produrre descrizioni accurate e corrette, corredate di foto dettagliate – prosegue Emilia Mugnai. Abbiamo però anche analizzato le nostre procedure, i nostri business processes come si dice, per limitare l’incidenza dei resi e danneggiati aggiustando i prodotti e dandogli nuova vita assieme all’associazione ONG Mani Tese”.

Un ufficio completamente plastic free – Negli anni Family Nation ha tenuto in grande considerazione l’impatto dello smaltimento dei rifiuti generati dal packaging. Per questo, dal 2020 in azienda non si utilizzano più riempitivi di plastica nei pacchi e dal 2021 il nastro per sigillare i pacchi, a base di carta e colla biodegradabile, è completamente plastic free. “Rimangono da gestire le poche spedizioni che ancora facciamo in buste di plastica per cui ci doteremo presto di una soluzione equivalente più ecologica” precisa Emilia.

In ufficio non si beve acqua minerale in bottiglia ma acqua del rubinetto filtrata. Nei bagni si utilizzano asciugamani in tessuto individuali che vengono lavati, piuttosto che asciugamani usa e getta. Ancora, si utilizza solo detersivo solido per la cucina e saponi a ricarica per diminuire o azzerare l’uso di imballaggi in plastica. I caffè fatti nella Moka vengono preferiti alle cialde della macchinetta, da bere poi in tazzine di ceramica non usa e getta.

Da considerare poi la scelta, per l’energia elettrica, di affidarsi ad un fornitore 100% green. “Tutto questo significa aver contribuito proattivamente ad un risparmio del 58% di energia rispetto a chi non ha scelto fonti rinnovabili. Quindi, su un consumo stimato di circa 6500 kw annuali (equivalenti a circa 3600,00 € annuali), significa aver contribuito per il 42% in più rispetto ad altre aziende che hanno scelto fornitori di energia non rinnovabile al 100%” – spiega Emilia.

Note:

(1) Per realizzare il calcolo: auto medio/piccola consuma circa 100 g/km di CO2. L’azienda ha fatto risparmiare circa 3000 viaggi, quindi 6000 tratte. Se ipotizziamo che ogni tratta ha circa 30 km di distanza (Miriam percorre 3 km ed Edoardo 100 km) allora sono circa 6000 tratte x 30 km x 100 g/Km = 18.000.000 g di CO2 cioè 18.000 Kg di CO2.

Nella foto: Emilia Mugnai e Aidan Cox, founders Family Nation.

85 visualizzazioni

ARTICOLI CORRELATI