Antonino Sapienza ci parla di sfide e criticità del digitale in Italia

Viviamo in un’era dominata dalla rapidità delle informazioni e dalla crescente interconnessione globale. L’Italia, immersa in questo vortice digitale, sperimenta una trasformazione senza precedenti. La cultura del digitale, un intreccio complesso di innovazione, accesso alle tecnologie e adattabilità, si configura come il cuore pulsante di questa rivoluzione. In questo contesto, Antonino Sapienza (nella foto), Direttore Vendite di DigitalSuite Italia, ci guida attraverso una riflessione approfondita sulla situazione attuale del digitale nel nostro paese.

“La digitalizzazione dichiara Sapienza – è una forza trainante del cambiamento, diventata un elemento imprescindibile nel modo in cui viviamo e lavoriamo, se ne parla continuamente specie a livello istituzionale e governativo. La cultura del digitale, tuttavia, va oltre la mera adozione di strumenti tecnologici. Essa abbraccia un approccio aperto all’innovazione, la capacità di adattarsi rapidamente e la consapevolezza dell’importanza di sfruttare appieno le opportunità offerte dalle tecnologie avanzate sia negli ambiti sociali, relazionali e lavorativi. La cultura del digitale è una mentalità che permea organizzazioni, istituzioni e individui, influenzando il modo in cui affrontiamo sfide, innoviamo e ci connettiamo globalmente. Emergono tuttavia diverse criticità che l’Italia deve affrontare nella costruzione di una digitalizzazione forte e diffusa a partire da una resistenza al cambiamento radicata, alimentata da tradizioni salde, incide pesantemente sull’adozione di tecnologie avanzate. Le piccole e medie imprese (PMI) per esempio, spesso ancorate a consuetudini consolidate, devono da subito abbracciare una mentalità aperta al cambiamento per cogliere appieno i benefici della digitalizzazione”.

Sapienza mette a fuoco la luce sulla mancanza di risorse finanziarie e competenze digitali aggiornate, aspetti cruciali per alimentare la crescita di una cultura del digitale. “Le barriere economiche e le carenze di competenze sono come catene che limitano il potenziale delle imprese italiane ed in particolare della pmi. Dobbiamo investire in formazione e sostenere l’adozione di soluzioni digitali. La questione del digital divide aggiunge ulteriore complessità al quadro. Mentre alcune aree urbane godono di una connettività avanzata e di risorse digitali abbondanti, molte comunità rurali e periferiche rimangono escluse da questa rivoluzione digitale. Il digital divide non solo ostacola l’accesso alle opportunità, ma rischia di ampliare ulteriormente le disuguaglianze sociali ed economiche e non è solo una questione di accesso al web ma anche di competenze e dunque di opportunità economiche. Le comunità meno collegate rischiano di rimanere ai margini dell’innovazione e di perdere accesso a servizi vitali. È fondamentale abbattere queste barriere per garantire che l’intera popolazione italiana possa partecipare pienamente alle rivoluzioni in atto, godendo dei suoi benefici in termini di apprendimento, occupazione e qualità della vita“.

Sapienza, evidenzia da tempo queste problematiche e sottolinea l’importanza di superarle. “Affrontare le criticità nella cultura del digitale richiede sforzi congiunti. Le aziende devono investire nelle competenze dei propri dipendenti, il governo deve promuovere politiche di incentivazione anche a basso livello e le istituzioni educative devono adattarsi alle esigenze del mondo digitale. Solo affrontando queste difficoltà possiamo veramente realizzare il pieno potenziale della digitalizzazione in Italia e non bastano le iniziative ministeriali, dell’Agenda Digitale o le prospettive delle risorse garantite dal PNRR spesso limitate a programmazioni e burocrazia non accessibile a tutti. In questo contesto, diventa cruciale proporre anche attività informative e conoscitive su larga scala specie nel sud Italia. Tali iniziative, ad iniziare dall’organizzazione di eventi aperti a tutti, non solo aumenterebbero la consapevolezza sulla digitalizzazione, ma fornirebbero anche una piattaforma per discutere apertamente delle sfide e delle opportunità che l’Italia affronta coinvolgendo le imprese, il governo, le istituzioni educative e la società civile e relazionandole con le entità internazionali che governano l’hi tech, promuovendo un dialogo costruttivo e stimolando azioni concrete per affrontare le nuove sfide legate all’innovazione”.

L’evoluzione di una cultura del digitale in Italia è un processo complesso, che richiede non solo investimenti nelle infrastrutture tecnologiche ma anche un impegno concreto nell’affrontare le criticità interne. La sfida sta nel superare dunque le resistenze al cambiamento, promuovere una formazione digitale diffusa e garantire un accesso equo alle opportunità digitali, affinché si possa prosperare in modo inclusivo nell’era digitale.

    166 visualizzazioni

    ARTICOLI CORRELATI