5 segnali (allarmanti) che la tecnologia ci sta privando delle nostre competenze

Gradualmente, poi all’improvviso,“ così Ernest Hemingway descrisse l’arrivo della bancarotta: un confronto azzeccato con il fenomeno della perdita di competenze nella nostra società guidata dalla tecnologia.

Ogni giorno, piccoli avanzamenti tecnologici influenzano le nostre abilità e, spesso, ci rendiamo conto della perdita solo quando abbiamo bisogno disperatamente di queste competenze e le troviamo (purtroppo) atrofizzate.

Indubbiamente, la tecnologia ha migliorato la nostra vita. Ma come le due facce di una medaglia, può anche privarci delle competenze di base. Il team di Geonode, insieme all’esperto di tecnologia Josh Gordon, ha individuato cinque segnali che indicano che la tecnologia potrebbe già essere causa di perdita di competenze.

1. Dipendenza dagli assistenti digitali per le conoscenze di base

Gli assistenti digitali, come Siri, Alexa e Google Assistant, stanno diventando il nostro punto di riferimento per informazioni rapide. Un sondaggio del [Pew Research Center](https://www.pewresearch.org/short-reads/2017/12/12/nearly-half-of-americans-use-digital-voice-assistants-mostly-on- their-smartphones/) indica che il 46% degli americani utilizza assistenti vocali digitali. Questa dipendenza può compromettere la nostra capacità di fare ricerca, pensare in modo critico e conservare le informazioni.

La facilità di chiedere fatti a un dispositivo porta a meno visite in biblioteca o a meno approfondimenti su argomenti specifici, potenzialmente affievolendo la nostra curiosità e le nostre capacità di ricerca. Gordon consiglia: “È fondamentale trovare un equilibrio tra comodità e impegno cognitivo. L’obiettivo non è abbandonare la tecnologia, ma usarla in modo responsabile.

2. Ricorso ai dispositivi per la memoria

La nostra capacità di ricordare e richiamare le informazioni sta diminuendo. Gli psicologi hanno identificato un fenomeno chiamato amnesia digitale, dove le persone tendono a dimenticare le informazioni che ritengono di poter trovare facilmente online.

Prima degli smartphone, le persone memorizzavano numeri di telefono, indirizzi e date di compleanno. Riesci ancora a farlo? “Se sei eccessivamente dipendente dai tuoi dispositivi per queste informazioni, le tue capacità di memoria potrebbero essere in declino,” avverte Gordon.

Uno studio del NIH conferma che i dispositivi digitali agiscono come un’estensione della nostra cognizione, influenzando le nostre capacità di memorizzazione. La comodità di avere tutte le risposte a portata di mano porta a un deterioramento del nostro sistema di archiviazione interno: il nostro cervello.

3. Declino delle abilità di scrittura e ortografia

Fai eccessivo affidamento sul correttore ortografico e sulla correzione automatica quando ti occupi di comunicazione digitale? Se ti ritrovi a faticare a scrivere correttamente senza questi strumenti, potrebbe essere un segno che le tue competenze in ortografia e grammatica stanno diminuendo.

L’onnipresenza di funzioni come la digitazione, la correzione automatica o la conversione da voce a testo ostacola la nostra capacità di scrivere e di ortografare senza l’aiuto della tecnologia. Le scuole di tutto il mondo segnalano un declino nella qualità della scrittura e nelle capacità ortografiche degli studenti, una tendenza confermata dagli educatori che lamentano la perdita delle competenze di scrittura in corsivo.

Un nuovo studio sottolinea che la scrittura a mano gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo dell’alfabetizzazione, suggerendo che la dipendenza dalla tastiera potrebbe minare questa base.

4. Declino delle abilità di navigazione a causa del GPS

I dispositivi e le app del Sistema di Posizionamento Globale (GPS), come Google Maps, hanno rivoluzionato il modo in cui ci orientiamo, ma non senza un prezzo. Studi scientifici evidenziano come l’uso del GPS riduca l’attività nell’ippocampo, un’area del cervello coinvolta nella navigazione e nella memoria.

Gordon avverte: “Ricorrere a un dispositivo quando ti perdi o non sei sicuro può sembrare comodo, ma potrebbe ostacolare il tuo senso innato dell’orientamento.” Un eccessivo affidamento su questi strumenti può indebolire le nostre abilità di navigazione e la nostra consapevolezza spaziale, rendendoci potenzialmente meno capaci di orientarci senza l’aiuto di strumenti elettronici.

5. Diminuzione delle capacità di risoluzione dei problemi

Infine, l’automazione delle attività quotidiane ha portato a un calo significativo delle nostre capacità di risoluzione dei problemi. Dai sistemi di fatturazione automatica alle case intelligenti che gestiscono i nostri ambienti di vita, le macchine stanno risolvendo problemi che un tempo erano affrontati dagli esseri umani. Questo cambiamento, pur essendo efficiente, significa meno opportunità di impegnarsi nel pensiero critico e nella risoluzione creativa dei problemi.

Uno studio comparativo evidenzia un declino delle capacità di risoluzione dei problemi man mano che la tecnologia si occupa di più compiti quotidiani.

Quindi, la tecnologia ci sta privando di competenze in alcuni ambiti? È fondamentale riflettere su questi segnali e fare uno sforzo consapevole per mantenere e migliorare le nostre abilità innate.

Il cambiamento è stimolante. Può spingerci a imparare e a crescere. Ma se non siamo attenti, potrebbe anche indurci in una comodità di dipendenza. Con l’integrazione della tecnologia nelle nostre vite, sarà interessante osservare come l’uomo si adatterà a questo nuovo scenario. Come rifletteva Ralph Waldo Emerson, “La creazione di mille foreste è in una ghianda.” Coltiveremo foreste di autosufficienza e competenza, o ci lasceremo andare a una silenziosa erosione delle competenze? Solo il tempo lo dirà.


Fonte della ricerca: https://geonode.com/

157 visualizzazioni

ARTICOLI CORRELATI